+ 8618917996096Weixin
Inglese
中文简体 中文简体 en English ru Русский es Español pt Português tr Türkçe ar العربية de Deutsch pl Polski it Italiano fr Français ko 한국어 th ไทย vi Tiếng Việt ja 日本語
02 Sep, 2021 88 Visto

A cosa serve un goniofotometro?

A goniofotometro è un dispositivo utilizzato per determinare la quantità di luce emessa da un oggetto a varie angolazioni. L'uso di goniofotometri è aumentata negli ultimi anni a causa dell'avvento delle sorgenti luminose a LED, che sono sorgenti luminose prevalentemente dirette con una distribuzione spaziale della luce non omogenea. Se la distribuzione della luce di una sorgente luminosa è omogenea, si parla di sorgente lambertiana. A causa di rigorose restrizioni, la distribuzione spaziale della luce è fondamentale per la progettazione dell'illuminazione dei veicoli.

Cos'è un goniofotometro?
Quando una luce si accende, produce luce. Questa luce ha una tonalità distinta, una "forza" distinta e può variare di intensità a seconda dell'angolo con cui viene vista. Queste caratteristiche sono classificate in base a lunghezza d'onda, fase, frequenza e ampiezza. I goniofotometro è in grado di determinare la quantità di flusso luminoso prodotto da una sorgente luminosa e la distribuzione dell'intensità luminosa. Inoltre, alcuni strumenti possono determinare la distribuzione della temperatura del colore e l'omogeneità del colore.

I goniofotometro è cresciuta in popolarità con l'avanzare della tecnologia di illuminazione a LED. I LED hanno una naturale propensione a guidare la luce in una certa direzione, definita sorgente lambertiana. Una lampadina standard distribuisce la luce in una distribuzione radiale molto uniforme, emettendo luce in tutte le direzioni a circa la stessa intensità. Il goniofotometro viene utilizzato per identificare il tipo di luce emessa da un faro per rispettare gli standard del settore automobilistico.

Usi principali:
Flusso luminoso
Il flusso luminoso è l'intera quantità di luce rilasciata da una sorgente luminosa senza preoccuparsi della direzione. Ad esempio, un laser produce un'enorme quantità di flusso luminoso in un'unica piccola area ma un flusso luminoso scarso o nullo in qualsiasi altra direzione.

Una lampadina tradizionale è molto diversa in quanto emette la stessa quantità di flusso luminoso in tutte le direzioni. L'output combinato di entrambe le sorgenti può rimanere simile. Il laser lo concentra in un unico punto, mentre la lampadina convenzionale lo disperde in una regione più ampia.

Intensità luminosa
L'intensità luminosa di una sorgente luminosa è la quantità di luce emessa ad una certa angolazione e distanza. Una sorgente di luce diretta può fornire un'enorme quantità di intensità luminosa se vista da una certa angolazione, ma praticamente nessuna se vista da un'angolazione leggermente diversa. Perciò, Lisun ha realizzato il miglior goniofotometro.

In questo caso, il laser menzionato sopra avrebbe un'elevata intensità luminosa in un'unica piccola area ma poca o nulla in qualsiasi altra direzione. L'intensità luminosa della vecchia lampadina sarebbe molto bassa, ma sarebbe uniforme in tutte le direzioni.

Distribuzione della temperatura del colore
La temperatura del colore dipende dal tipo di luce. Questi valori variano da 1000 kelvin (una buona quantità di rosso) a 27000 kelvin (molto blu). Per fare un confronto, le temperature tra 2500 e 5000 kelvin sono spesso definite "bianco caldo", mentre le temperature tra 5000 e 7500 kelvin sono "bianco freddo".

Uniformità di colore
Quando la luce viene misurata da vari angoli e distanze, le sue caratteristiche possono variare. Un alto grado di uniformità del colore indica che la temperatura del colore è distribuita uniformemente su tutti gli angoli. Al contrario, un basso grado di uniformità del colore indica che la temperatura del colore varia in modo significativo su tutti gli angoli.

Sono disponibili vari tipi di goniofotometri
Goniofotometri sono generalmente classificati in tre tipi:
Tipo A
Questo tipo di goniofotometro solo da un asse orizzontale fisso si possono effettuare misurazioni.

Tipo B
Questo goniofotometro misura dall'asse verticale fisso.

Tipo C
Questo tipo di goniofotometro misura simultaneamente l'asse verticale e quello orizzontale.

tag:

Lasciate un messaggio

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *