+ 8618917996096Weixin
Inglese
中文简体 中文简体 en English ru Русский es Español pt Português tr Türkçe ar العربية de Deutsch pl Polski it Italiano fr Français ko 한국어 th ไทย vi Tiếng Việt ja 日本語
09 gennaio, 2012 4810 Visto

Termini e definizioni dei test dei LED

1.LED
Oltre ai laser a semiconduttore, quando la corrente motiva i diodi a semiconduttore possono emettere la radiazione ottica. A rigor di termini, il termine LED dovrebbe essere applicato solo per emettere il diodo visibile; Il diodo che può emettere radiazione vicino all'infrarosso è chiamato diodo ad emissione di luce infrarossa (IRED, diodo ad emissione infrarossa); La lunghezza d'onda del picco di emissione è limitata vicino all'onda corta, il diodo che ha parte della radiazione ultravioletta è chiamato diodo a emissione di luce ultravioletta; Tuttavia, i tre tipi di diodi a semiconduttore sopra indicati sono comunemente chiamati LED.

2.Asse ottico
Si riferisce al massimo intensità luminosa (o intensità della radiazione) direzione della linea centrale.

3.VF Tensione diretta
Si riferisce alla caduta di tensione tra i poli quando la corrente positiva attraverso i led è il valore fisso

4.IR Corrente inversa

Si riferisce alla corrente attraverso il diodo emettitore di luce quando la tensione inversa aggiunta su entrambe le estremità del diodo emettitore è il valore fisso.
 
5.VR Tensione inversa
Si riferisce alla caduta di tensione tra i poli quando la corrente inversa attraverso il dispositivo LED in prova è il valore fisso.
6 C Capacità
Si riferisce alla capacità su entrambe le estremità del LED in base alla regolazione della polarizzazione diretta e della frequenza.7 6. Tempo di commutazione
Le valutazioni minime e massime coinvolte nei seguenti concetti sono del 10% e 90%, se non diversamente indicato.
 
7.1 tdon) Ritardo all'accensione
Si riferisce all'intervallo di tempo tra la valutazione più bassa del portico anteriore dell'impulso di ingresso e la valutazione più bassa del portico anteriore dell'impulso di uscita.

7.2 tr Ora di alzarsi

Si riferisce all'intervallo di tempo tra la valutazione più bassa e la valutazione più alta del portico anteriore dell'impulso di uscita.

7.3 ton Tempo di accensione

Si riferisce all'intervallo di tempo aggiunto nel dispositivo tra la valutazione più bassa del portico anteriore dell'impulso di ingresso e la valutazione più alta del portico anteriore dell'impulso di uscita.
ton = td (on) + tr
 
7.4 td (off) Ritardo alla disattivazione

Si riferisce all'intervallo di tempo aggiunto nel dispositivo tra la valutazione più alta del portico posteriore di impulso in ingresso e la valutazione più alta del portico posteriore di impulso in uscita.

7.5 tf Tempo di caduta

Si riferisce all'intervallo di tempo tra la valutazione più alta e la valutazione più bassa del portico posteriore dell'impulso di uscita.

Si riferisce all'intervallo di tempo aggiunto nel dispositivo tra la valutazione più bassa del portico posteriore di impulso in ingresso e la valutazione più bassa del portico posteriore di impulso in uscita.
toff = td (off) + tf

8.Î|v Flusso luminoso
Si riferisce al flusso luminoso emesso dalla finestra ottica del dispositivo quando la corrente diretta attraverso il diodo luminescente è il valore fisso.
 
9.Î|e Potenza radiante
Si riferisce alla potenza radiante emessa dalla finestra ottica del dispositivo quando la corrente diretta attraverso il diodo luminescente è il valore fisso.
 
10.I ·e Efficienza energetica radiante
Si riferisce al rapporto tra la potenza radiante emessa dal dispositivo e la potenza elettrica del dispositivo (la corrente positiva IF moltiplica la tensione diretta VF):
ηe = Φe/(IOF• VF)
Nota: per evitare di essere confuso con altri termini, può essere indicato come efficienza di radiazione (efficienza radiante).
 
11.I ·v Efficienza del flusso luminoso
Si riferisce al rapporto del flusso luminoso Φv emesso dal dispositivo e dalla potenza elettrica del dispositivo (la corrente positiva IF moltiplica la tensione diretta VF):
ηv = Φv/(IOF• VF)
Nota: per evitare di essere confuso con altri termini, può essere indicato come efficienza luminosa.
 
12. Diagramma di distribuzione spaziale luminosa (o radiante) e relative proprietà

I 12.1v Intensità luminosa (o radiante)
Il flusso luminoso (o radiante) emesso dalla sorgente luminosa all'interno dell'angolo solido per unità può essere espresso come Iv = d Φ / d Ω. Il concetto di intensità luminosa (o radiante) richiede di assumere la sorgente di radiazione come sorgenti di radiazione puntiformi, oppure la sua dimensione e l'area del rivelatore di luce è abbastanza piccola rispetto alla distanza da essa al rivelatore di luce, in questo caso, il luminoso ( o radiante) l'intensità sulla superficie del rivelatore di luce segue il teorema quadrato della distanza inversa: E = I / d2. Qui I è l'intensità delle sorgenti di radiazioni, d è la distanza dal centro di radiazione al centro del rivelatore. Questa situazione è chiamata condizioni del campo lontano. Tuttavia, in molte applicazioni, la distanza del LED di misurazione è relativamente breve, la dimensione relativa della sorgente è troppo grande o l'angolo della superficie del rivelatore è troppo grande, sono le cosiddette condizioni di campo vicino (A campo vicino Goniospettroradiometro per misure a LED). In questo momento, l'illuminazione luminosa (radiante) dipende dalle condizioni di misurazione corrette.
 
12.2 Intensità LED media
Il rapporto del flusso Φ irradiato sul fotorilevatore da una certa distanza con LED e l'angolo solido Ω formato dal rivelatore. L'angolo solido può essere calcolato utilizzando la proporzione S del rivelatore per dividere il quadrato della distanza di misurazione.
I = Φ / Ω = Φ / (S / D2)
Le condizioni standard A e B raccomandate da CIE vengono utilizzate per misurare l'intensità media del LED nelle condizioni di campo vicino, possono essere rispettivamente espresse con i simboli ILED Ae ioLED B. Usa i simboli ILED Ae e ioLED Av per rappresentare rispettivamente le condizioni standard A, l'intensità media della radiazione LED e l'intensità media dei LED.
 
12.3 Diagramma (o radiante) luminoso
Riflettendo le caratteristiche di distribuzione dello spazio di intensità della luce (o radiazione) del dispositivo:

Iv(o ioe) = F (θ)

Nota 1: salvo disposizioni contrarie, la distribuzione dell'intensità di emissione di luce (o radiazione) dovrebbe essere inclusa nel piano dell'asse meccanico Z.
Nota 2: se il modello di distribuzione dell'intensità di emissione di luce (o radiazione) ha le caratteristiche di simmetria di rotazione rispetto all'asse Z, la distribuzione dello spazio di intensità di emissione di luce (o radiazione) fornisce solo un piano.
Nota 3: se non vi sono caratteristiche di simmetria di rotazione rispetto all'asse Z, la distribuzione dell'intensità dell'emissione di luce (o radiazione) di tutti i tipi di angolo θ dovrebbe avere requisiti, la direzione X, Y, Z deve avere i requisiti di specifica dettagliati e definiti .

12.4 θ1 / 2 Angolo di mezza intensità
Nel modello di distribuzione dell'intensità di emissione di luce (o radiazione), l'angolo viene formato quando l'intensità di emissione di luce (o radiazione) è maggiore della metà del grado di intensità massimo.

12.5 Δθ Angolo di disallineamento
Nel modello di distribuzione dell'intensità di emissione di luce (o radiazione), l'angolo tra l'intensità di intensità di emissione di luce (o radiazione) massima (asse ottico) e l'asse meccanico Z.

13Caratteristica spettrale

13.1 Lunghezza d'onda di emissione di picco λp
La più grande lunghezza d'onda della potenza radiante spettrale

13.2 Banda spettrale di radiazione con Δλ
La potenza radiante spettrale è uguale o maggiore della metà dell'intervallo di lunghezza d'onda massima.

13.3 Distribuzione spettrale di potenza P (λ)
Nell'intervallo di lunghezze d'onda della radiazione del raggio, la distribuzione della potenza di radiazione di ciascuna lunghezza d'onda.

Metodo di prova dei LED: i metodi di prova delle caratteristiche elettriche

Metodo di prova dei LED: caratteristiche della luce Metodi di misurazione

Metodo di prova dei LED: flusso luminoso ed efficienza luminosa

Metodo di prova dei LED: flusso di radiazione ed efficienza di radiazione

Metodo di prova dei LED: lunghezza d'onda di emissione di picco, larghezza di banda di radiazione spettrale e distribuzione di potenza dello spettro


Metodo di prova LED: caratteristiche fotoelettriche Metodo di prova - Tempo di commutazione

tag: , , , , ,

Lasciate un messaggio

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *