+ 8618117273997Weixin
Inglese
中文简体 中文简体 en English ru Русский es Español pt Português tr Türkçe ar العربية de Deutsch pl Polski it Italiano fr Français ko 한국어 th ไทย vi Tiếng Việt ja 日本語
08 Feb, 2024 56 Visto Autore: Cherry Shen

Valutazione dell'indice di infiammabilità del filo incandescente utilizzando il tester per filo incandescente

Le tester per filo incandescente viene utilizzato per simulare l'accensione di materiali isolanti o altri componenti combustibili all'interno di apparecchiature che potrebbero prendere fuoco a causa di un filo caldo o di un elemento caldo. In determinate condizioni, come correnti di guasto che attraversano i cavi, sovraccarichi di componenti e contatti scadenti, alcuni componenti possono raggiungere una determinata temperatura che provoca l'accensione delle parti vicine. Questo può essere testato attraverso il indice di infiammabilità del filo incandescente test e il test del filo caldo a 850 gradi.

Le tester per filo incandescente è adatto per testare la resistenza al fuoco di prodotti elettrici ed elettronici, componenti, parti isolanti in plastica e non metalliche utilizzate negli elettrodomestici, come involucri di interruttori, prese relè, ecc., in condizioni di guasto o sovraccarico che possono farli raggiungere livelli elevati temperature elevate o incendiare le parti vicine. Il tester a filo caldo simula in un breve periodo di tempo lo stress termico causato da elementi caldi o resistori come fonti di sovraccarico o fonti di accensione e valuta il pericolo di incendio attraverso tecniche di simulazione.

Il principio di funzionamento di tester per filo incandescente: un materiale specificato di filo di nichel-cromo da 4 mm (testa del filo caldo a forma di U) viene riscaldato alla temperatura di prova specificata (300 ℃ ~ 1000 ℃) con una corrente elevata. Il campione di prova viene sottoposto a un test di bruciatura di 30 secondi con una pressione specificata (1.0 N) applicata. Il rischio di accensione dei prodotti finiti delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è determinato dal fatto che il campione di prova e il materiale di imbottitura si accendano o sostengano la combustione. Al termine del test, il tempo di combustione, il tempo di accensione (Ti), il tempo di estinzione della fiamma (Te) e indice di infiammabilità (GWFI) vengono registrati.

video

Le tester per filo incandescente viene utilizzato per testare le proprietà di resistenza al fuoco di materiali e prodotti finiti. Il filo caldo stesso funge da fonte di accensione. La temperatura del filo caldo viene impostata e controllata da un termoregolatore. Durante il processo di test, il termoregolatore funziona in modalità manuale per generare un segnale di tensione specificato sulla variabile manipolata (filo caldo), evitando così il feedback sulla variabile di riferimento (termocoppia) sul termoregolatore.

La temperatura del filo caldo può essere impostata dalla temperatura ambiente a 1000 ℃. La temperatura del filo caldo viene misurata utilizzando una termocoppia inguainata di tipo K (Classe 1) secondo la norma IEC60584-2. Durante il processo di prova, il campione viene spostato verso il filo caldo ad una velocità costante di 11 mm/s e poi restituito. Il tempo di riscaldamento di 30 secondi è controllato da un timer. Il portacampione viene tirato verso il filo caldo con una forza di 1N. L'alimentazione è 230VAC±10% (50Hz). Se necessario possono essere fornite altre condizioni tecniche.

Le indice di infiammabilità del filo incandescente Il test e il test del filo caldo a 850 gradi sono due metodi di prova di resistenza al fuoco comunemente usati per i materiali. Sono ampiamente utilizzati in settori quali l’edilizia, l’aviazione e l’industria chimica. Lo scopo di questi test è quello di valutare le prestazioni di resistenza al fuoco dei materiali per garantire che possano efficacemente prevenire la propagazione del fuoco e tutelare l'incolumità di persone e cose in caso di incendio.

Le indice di infiammabilità del filo incandescente Il test è un metodo per valutare la combustibilità dei materiali. Durante il test, il campione viene esposto a una specifica fonte di fiamma e si osservano le sue caratteristiche di combustione per determinarne l'infiammabilità. Il risultato del test è solitamente espresso in percentuale, che rappresenta la percentuale dell'area di combustione del materiale rispetto all'area totale. Un valore dell'indice di infiammabilità più basso indica migliori prestazioni di resistenza al fuoco del materiale.

Il test del filo caldo a 850 gradi è un metodo per valutare la resistenza termica dei materiali. Nel test, un filo metallico del diametro di 1 mm viene riscaldato a 850 gradi Celsius e messo a contatto con il materiale da testare. Se il materiale può sopportare l'elevata temperatura del filo senza danni significativi o fusione, si può considerare che abbia una buona resistenza al calore.

Questi due metodi di prova svolgono un ruolo importante nella progettazione del prodotto e nella selezione dei materiali.

1. Aiutano produttori e progettisti a selezionare materiali ignifughi adeguati per garantire che i prodotti abbiano una resistenza al fuoco sufficiente in caso di incendio. Valutando le prestazioni di combustibilità e resistenza al calore dei materiali, è possibile ridurre il rischio di utilizzare materiali facilmente combustibili o che non resistono alle alte temperature, riducendo così il rischio di insorgenza e propagazione di incendi.

2. il indice di infiammabilità del filo incandescente Il test e il test del filo caldo a 850 gradi possono essere utilizzati anche per valutare la differenza nelle prestazioni di resistenza al fuoco tra diversi materiali. Confrontando i risultati dei test di diversi materiali, è possibile determinare quale materiale è più adatto per ambienti operativi specifici. Ad esempio, nel campo dell’edilizia, per garantire una maggiore sicurezza sono necessari materiali con un indice di infiammabilità inferiore e una maggiore resistenza al calore. In settori ad alto rischio come l’industria aeronautica e chimica, i requisiti prestazionali di resistenza al fuoco per i materiali sono più elevati, rendendo questi metodi di prova particolarmente importanti.

3. il indice di infiammabilità del filo incandescente Il test e il test del filo caldo a 850 gradi possono essere utilizzati anche per la supervisione e la convalida del controllo di qualità del prodotto. I produttori possono utilizzare questi metodi di prova per garantire che i loro prodotti siano conformi agli standard e ai requisiti pertinenti di resistenza al fuoco. Eseguendo test regolari, è possibile rilevare tempestivamente problemi di prestazione con materiali o prodotti e adottare misure di miglioramento adeguate per migliorare la sicurezza del prodotto. e affidabilità.

4. il indice di infiammabilità del filo incandescente Il test e il test del filo caldo a 850 gradi sono metodi importanti per valutare le prestazioni di resistenza al fuoco dei materiali. La loro applicazione e significato possono essere riassunti come segue: assistenza nella scelta di materiali resistenti al fuoco idonei a ridurre il rischio di incendio; valutare la differenza nelle prestazioni di resistenza al fuoco tra diversi materiali e selezionare il materiale più idoneo; utilizzato per il controllo della qualità del prodotto per garantire la conformità agli standard e ai requisiti di resistenza al fuoco. Questi metodi di prova hanno ampie applicazioni in vari campi e svolgono un ruolo importante nel garantire la sicurezza delle persone e delle cose.

Nota:

1. Gli utenti di questo apparecchio devono disporre di un'alimentazione elettrica stabile, poiché le fluttuazioni di tensione possono influenzare i cambiamenti di temperatura.
2. La termocoppia viene utilizzata solo per scopi di calibrazione e deve essere contrassegnata sull'amperometro dopo la calibrazione in modo che possa essere utilizzata per test successivi. Dopo che la temperatura è scesa a temperatura ambiente, la termocoppia deve essere rimossa con attenzione dal filo caldo prima di iniziare il test (la termocoppia è un articolo di consumo e non è coperta dalla garanzia del prodotto).
3. Il filo caldo non deve essere utilizzato a temperature elevate per periodi prolungati per evitare di ridurne la durata. La corrente deve essere ridotta e l'alimentazione deve essere interrotta immediatamente dopo ogni utilizzo.
4. Al termine di ogni test, la camera di combustione deve essere pulita mentre l'alimentazione è spenta e si deve prestare attenzione a non urtare la termocoppia e il filo caldo.
5. Dopo la combustione, la ventola di scarico può essere utilizzata per scaricare il gas di scarico, ma la ventola non deve essere accesa durante il test per evitare di influenzare i risultati del test.
6. Se è necessaria la manutenzione, soprattutto quando si sostituisce il filo caldo, assicurarsi di serrare le viti allentate. In caso contrario, un contatto inadeguato potrebbe influenzare il circuito di corrente e creare un'interfaccia ad alta temperatura. Dopo aver sostituito le parti, tutte le viti devono essere serrate.

Le ZRS-3H L'apparecchio per la prova del filo incandescente è conforme a IEC60695-2-1, IEC60695-2-10, IEC60695-2-11, IEC60695-2-12, IEC60695-2-13 (GB/T5169.10, GBT5169.11, GBT5169.12, GB/T5169.13) , UL 746A, IEC829, DIN695 ed VDE0471.

Valutazione dell'indice di infiammabilità del filo incandescente utilizzando il tester per filo incandescente

ZRS-3H Apparecchiatura di prova a filo incandescente

tag:

Lasciate un messaggio

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

=